Putin, Berlusconi e l'Ucraina. Se un dittatore russo rispolvera il nazionalismo sovietico.

A cosa sto pensando? Penso che l'imperialismo russo non si esaurisce con la fine dell'Unione Sovietica. Putin è ancora l'espressione del KGB, cioè del vecchio regime, ideologicamente e culturalmente. Quello che succede in Ucraina comincia a somigliare molto a quello che successe in Ungheria e Cecoslovacchia. Il centrodestra italiano per lustri ha rimproverato alla sinistra italiana la corresponsabilità, o almeno l'acquiescenza, rispetto alle invasioni dei Paesi dell'est. Adesso la Russia, in chiave antieuropeista, ci prova con l'Ucraina. Le differenze? La prima differenza è che Putin si proclama democratico e non lo è; la seconda è che è il migliore amico di Berlusconi, quello che non fa passare giorno senza criticare la non democrazia del vecchio regime russo. Mi piacerebbe sapere cosa ne pensa di questa invasione...

Scrivi commento

Commenti: 0